LA FLUORITE. TRA BELLEZZA E CONSAPEVOLEZZA di Donato Salerno e Fatima Mutarelli

Non avevo mai visto un minerale così bello. Me ne innamorai al primo sguardo.

Era della fluorite, colore verde.

La fluorite verde mi ricorda gli anni del liceo, la professoressa di scienze, le lezioni in laboratorio e fuori. Inizia, così, una passione che ancor oggi coltivo.

Dal vivo è molto luminosa. Uno sguardo e ti incanta.

Non so se i minerali abbiano particolari effetti, magiche virtù. Ma se dovessi attribuire alla fluorite un potere, direi: speranza.

Si, anche solo immaginarla, senza la pretesa di possederla, mi infonde speranza

Non solo la sua vista mi porta agli anni della scuola ma mi dà la spinta, il verso.

Verso un nuovo giorno, un nuovo incontro, un pensiero buono.

Mi piace l’idea che ogni volta che ho un buon pensiero e che mi apro alla speranza, la fluorite si rigenera. E se fossi io l’energia benefica?


La fluorite mi insegna che attribuiamo poteri benefici ad oggetti esterni ma, a ben sentire, questi sono già presenti in noi.


Donato Salerno





 


67 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti