DALLE STELLE ALLE FORMICHE di Teresa Pepe

(Scritto nei primi giorni di quarantena in data 17 aprile 2020)


L'armonia della Natura mi induce a riflettere sul significato della rinascita, alla necessità di rallentare i nostri movimenti e ascoltare le mille voci dell'universo.

Lo stato di crisi collettiva che stiamo vivendo è un'opportunità, le ferite del nostro tessuto sociale saranno, probabilmente, un'occasione d'oro, un'occasione di crescita. Intanto la Natura inarrestabile riconquista tutto: gli spazi, i tempi, i respiri, i silenzi. Guardare il cielo di notte mi fa compagnia e immagino le stelle come una popolazione che abita l'Universo: stelle giovani, stelle più anziane, più grandi, più piccole.

Vivono e muoiono.

Le stelle narrano dell'Universo e delle sue dimensioni: spazio e tempo. E sono incubatrici di quegli elementi che generano la vita, la luce... È vero, come dice quella canzone, che noi: "...Siamo figli delle stelle". Mi voglio affidare e mi voglio fidare della Natura, della Scienza e di Dio o Grande Spirito come lo chiama De Andrè.

Ah, se gli uomini potessero sentirsi come delle formiche, staremmo tutti con i piedi per terra e con le antenne in ascolto. Le formiche sono degli animali eccezionali, sono fortissime rispetto alle loro dimensioni, cugine delle vespe e delle api, sono in tutto il mondo. Sulla testa hanno un paio di antenne piegate a metà, organi di senso principali, con le quali possono sentire, toccare, assaggiare e comunicare con gli altri membri della comunità, sí, perché le formiche sono animali sociali e la loro vita è basata sul bene della comunità. Le formiche non spiccano per la loro singolarità, ma piuttosto per la loro operosità e per la loro organizzazione, generosità e altruismo. Possiedono all'entrata dell'addome una tasca dove accumulano gli alimenti e quando una formica ha fame, sollecita con le antenne una compagna, che le fornisce un po' di rugiada zuccherina contenuta nella tasca sociale. Tutto ciò di cui le formiche vanno in cerca e che accumulano senza tregua, non è dedicato che alla tasca della comunità.

E se rinascessimo formiche con lo sguardo rivolto alle stelle?                 


Teresa Pepe




Disegno di Sara Bianchi


66 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti